Ciambella al limone - Dolce creola - Il Mondo di Joyce
ricetta ciambella al limone dolce creola
ciambella, dolce creola, limone, ricetta
1100
post-template-default,single,single-post,postid-1100,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,columns-3,qode-theme-ver-13.8,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Ciambella al limone – Dolce creola

Ciambella al limone – Dolce creola

Lo so, devo chiedere perdono per la mia lunghissima assenza. In questi mesi sono stata molto impegnata e non ho avuto nemmeno un attimo di tempo per condividere qualche ricetta con voi.

Con il caldo che c’è adesso scommetto che a nessuno viene la voglia di pasticciare, quindi vi propongo una ricetta molto veloce, facile e semplice da fare. Impossibile dire di no perché questa è del maestro Iginio Massari, il dolce creola, che ho arricchito con la glassa anidra del maestro Leonardo di Carlo, guarnito con namelaka al cioccolato bianco e limone del campione del mondo Emanuele Forcone, esteticamente ho preso spunti dalle creazioni del maestro Omar Busi.

Non credo di dover dirvi di più…. Se non volete o non avete tempo di fare le decorazioni e guarnizioni vi dico che il dolce creola è buonissimo anche da solo… magari con una semplice spolverata di zucchero a velo.
Provateci a casa!

Per il dolce creola
Burro 160 gr
Zucchero a velo 160 gr
Amido di riso 80 gr
Sale 1 pizzico
Buccia di limone 1 gr
Rhum 20 gr
Tuorli 80 gr (5)
Uova 100 gr (2)
Farina 00 90 gr
Lievito chimico 4 gr

  1. Nella bacinella della planetaria (con la foglia) o con uno sbattitore casalingo montare il burro morbido, ma ancora plastico, lo zucchero, il sale e la scorza del limone e montare a schiuma.
  2. Incorporare il rhum e poi l’amido di riso setacciato, i tuorli e le uova alternandoli alla farina setacciata due volte con il lievito.
  3. La massa deve presentarsi lucida, con un buon volume e non separata o leggermente granulosa.
  4. Versare il composto nell’apposito stampo con il buco centrale, precedentemente imburrato e inzuccherato con lo zucchero scuro di canna e cuocere a 180 °C per 50 minuti.

Per la glassa anidra
Cioccolato bianco 200 gr
Olio di riso 30 gr
Le glasse anidre garantiscono una morbidezza più a lungo per i prodotti da forno (cake, madeleine, etc).
Si ottengono fondendo la copertura desiderata (al latte, fondente o bianca) a 30°, unendo gli oli dal 5 al 15%, (olio di riso, di girasole, extra vergine, burro anidro liquido).
Più la copertura sarà fluida, più sarà sottile lo strato.
Alla fine possiamo aggiungere tutto ciò che desideriamo, frutta secca, croccantini etc.
cit. Leonardo di Carlo

Per la namelaka al cioccolato bianco e limone
Latte 70 gr
Buccia di limone 3 gr
Glucosio 3 gr
Gelatina in fogli 3 gr
Cioccolato bianco 100 gr
Panna fresca 135 gr

  1. Fate bollire il latte, glucosio e la buccia di limone.
  2. Fate riposare coprendo con la pellicola per 10 minuti.
  3. Amalgamate la gelatina ammorbidita in acqua fredda.
  4. In un contenitore mettete il cioccolato bianco leggermente sciolto e versate il latte caldo.
  5. Emulsionate e poi aggiungete la panna liquida a freddo e continuate ad emulsionare con minipimer (cercando di non incorporare aria).
  6. Mettete a riposo in frigo la namelaka per almeno 12 ore che può essere montata per una eventuale decorazione.

Decorazioni
Pasta frolla al cacao
Zucchero a velo
Confettura di prugna o a piacere

 

Baci, abbracci e buona cucina!!!
Joyce

No Comments

Post A Comment

31 + = 35